Come scegliere l’acciaio inox più giusto per la tua attività

Come scegliere l’acciaio inox più giusto per la tua attività

L’acciaio resta un pilastro dell’economia mondiale, e l’industria siderurgica ricopre un ruolo strategico di sviluppo per diversi paesi. Secondo le statistiche di WorldSteel Association, che raccoglie i dati di 64 paesi del mondo, nel 2020 si sono prodotti oltre 158 milioni di tonnellate per un giro di affari di 2,5 trilioni di dollari. La crescita più alta si registra nelle economie emergenti, ma resta fondamentale anche in Europa dove l’acciaio viene richiesto ogni anno dalle industrie edile, meccanica, automobilistica ed energetica.

L’industria siderurgica italiana

In Italia l’industria dell’acciaio è rappresentata da Federacciai, con 130 imprese siderurgiche, ovvero il 95% della produzione nazionale pari ad oltre 20 milioni di tonnellate, al secondo posto in Europa dopo la Germania. Secondo le statistiche del Centro Inox, tra i vari acciai prodotti, l’acciaio inox rappresenta un 5% della produzione nazionale, ma l’Italia resta uno dei maggiori consumatori pro capite al mondo.

Le proprietà dell’ acciaio inox

Le proprietà principali di questo metallo sono la durezza, la duttilità e la resistenza alla corrosione, alla trazione, all’usura, al calore. Per acciaio si intende una lega tra il Ferro (Fe, elemento metallico) ed il Carbonio (C, elemento legante non metallico). La proporzione tra questi due elementi, determina il tipo di acciaio prodotto. Nell’acciaio inox troviamo anche il Cromo (Cr) abbinato al Nichel (Ni) e al Manganese (Mn), che rispettivamente possono apportare resistenza alla corrosione, plasticità ed amagnetismo.

La designazione AISI (American Iron and Steel Institute) suddivide gli acciai per classe di resistenza con una sigla a tre cifre ed un eventuale lettera finale.

Gli acciai inox in commercio

Al momento dell’acquisto di un’attrezzatura in acciaio inox, è importante conoscere quali acciai sono stati impiegati dal produttore e se questi rispettano le normative in vigore all’interno dell’Unione Europea. In particolare se sono conformi alla normativa MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti) e al regolamento per lo smaltimento di rottami e rifiuti.

  • Acciaio inox AISI 201/202. Sono composti da 13-14% di Cr ed il Ni è sostituito in parte con il Mn (amagnetico), che però si ossida. Per questo motivo il regolamento MOCA, li esclude dal contatto con gli alimenti, perché si rischia una contaminazione. Essendo acciaio d’importazione non conforme alle normative europee, non sarà ritirato dalle acciaierie all’interno dell’Unione Europea.
  • Acciaio inox AISI 304. Fa parte della categoria di acciai austenitici, conosciuto anche come 18/10 (18% Cr/ 10% Ni). E’ quello più utilizzato nel settore alimentare perché risulta un ottimo compromesso tra la resistenza alla corrosione e la plasticità (stampaggio). E’ idoneo per il contatto con gli alimenti e viene ritirato dalle acciaierie europee.
  • Acciaio inox AISI 316. Presenta una resistenza maggiore alla corrosione da sostanze acide ed risulta più indicato per l’utilizzo ad alte temperature. E’ consentito adoperarlo in superfici a contatto con gli alimenti e viene ritirato dalle acciaierie europee.
  • Acciaio inox AISI 430. Conosciuto anche come ferritico, contiene 13-14% di Cr, mentre è assente il Ni. E’ migliore per la conduzione termica, ma resiste peggio alla corrosione. E’ ammesso il contatto con gli alimenti e viene ritirato dalle acciaierie europee.

L’acciaio inox scelto da INOXBIM

Da diversi anni INOXBIM ha scelto di puntare sul risparmio energetico e sul basso impatto ambientale. Per questo motivo la nostra produzione utilizza solo acciai inox AISI 304 e 430. Grazie a questa scelta, consentiamo il rispetto delle normative ed il ritiro da parte delle acciaierie senza creare disagi e costi aggiuntivi di smaltimento per i nostri clienti.

Attraverso la pagina prodotti del nostro sito web, è possibile scaricare le schede tecniche delle nostre attrezzature, dove riportiamo tutte le specifiche a riguardo.

2021-02-08T14:03:46+00:00 25 Gennaio 2021|